I SENSI DELLA SCRITTURA NEI VANGELI DOMENICALI

padre-fiorenzo

15 DICEMBRE: III Domenica di Avvento, anno A 

I SENSI DELLA SCRITTURA NEI VANGELI DOMENICALI

Littera gesta docet: la lettera insegna i fatti.
Quid credas allegoria: l’allegoria cosa credere.
Moralis quid agas: la morale cosa fare.
Quo tendas anagogia: l’anagogia indica la meta

LETTERA (Matteo 11,2-11): Giovanni Battista mandò i suoi discepoli a chiedere a Gesù se era lui l’atteso Messia, e Gesù mostrò la sua identità come guaritore dell’uomo totale, cioè dei corpi coi miracoli, e dei cuori con l’evangelizzazione. Matteo descrive il Battista come uomo penitente, e Gesù lo presenta come “più che profeta”, come suo precursore, e persino come il più grande uomo della storia, dicendo “In verità vi dico: “Tra i nati di donna non è sorto alcuno più grande (mèizon) di Giovanni Battista”. Ma Gesù fa anche due affermazioni che non devono sfuggirci: a) “beato chi non si scandalizza di me”; b) “il più piccolo (mikròteros) nel regno dei cieli è più grande” di Giovanni Battista.
ALLEGORIA: il brano evangelico contiene una sola similitudine: Giovanni non è un uomo debole come una canna sbattuta dal vento, ma è coraggioso e stabile come una quercia.
MORALE: Andrea e Giovanni – il futuro evangelista – avevano portato tra i discepoli del Battista la notizia che Gesù era il Messia. Lo aveva rivelato Gesù quel pomeriggio che li invitò a casa sua. Infatti Andrea, vedendo – dopo quel colloquio – suo fratello Simone, gli disse: eurèkamen ton Messìan, abbiamo trovato il Messia. Il Battista aveva presentato Gesù come colui che toglie i peccati del mondo, come agnello di Dio, come il battezzatore “nello Spirito santo e fuoco”, ma non esplicitamente come Messia. Anche il vangelo di oggi non contiene questo appellativo, ma parla di “colui che deve venire” (‘o erchòmenos). La Samaritana dirà a Gesù: “So che deve venire il Messia”, e Gesù le rispose: “Sono io, che parlo con te” (egò eimi, ‘o lalòn soi, Gv 4,25s). Il Battista vuole che tutti i suoi discepoli – come Andrea e Giovanni, come Filippo e la Samaritana – apprendano dalla bocca stessa di Gesù se è lui “colui che deve venire”, cioè il Messia, l’inviato, l’unto del Signore, “colui di cui scrissero Mosè e i Profeti”, come disse Filippo a Natanaele. E tuttavia Gesù non rispose “sono io” come alla Samaritana, ma preferì invitarli a riflettere sui fatti più che sulle parole: “Riferite a Giovanni ciò che udite e vedete” (à akoùete kaì blèpete). Gesù, infatti, univa alla sua parola sublime i fatti inauditi della risurrezione dei morti e di molte guarigioni. I fatti lo proclamavano non solo Messia ma fonte di beatitudine (“beato chi non si scandalizza di me”) e come portatore del regno di Dio. Nel regno di Dio instaurato da Gesù, il più piccolo è più grande del più grande uomo della storia, quale era Giovanni il Battista. Il regno di Dio è Gesù stesso (autobasilèia), e chi accetta Gesù si incorpora in Lui e diventa egli stesso regno di Dio nel mondo.
ANAGOGIA: Gesù fa anagogia quando invita gli astanti ad andare oltre le apparenze esterne del Battista, e fa anagogia quando – parlando di se stesso – invita ad andare oltre la sua umanità povera e sofferente, dicendo: “Beato chi non si scandalizza di me”. Gesù fa anagogia quando invita tutti ad andare oltre i fatti e le parole, riflettendo e concludendo che quei fatti (i miracoli) e quelle parole (il vangelo) possono provenire solo da uno che è più di Giona, più dei profeti, più della figura messianica tradizionale, poiché il Messia (‘o Christòs) venuto nella storia è persino “il Figlio del Dio vivente” (‘o Christòs=‘o uiòs tou Theoù tou zòntos, Mt 16,16)).
P. Fiorenzo Mastroianni, OFMCappuccino

VEDI LA PAGINA SEGUENTE

Puoi vedere il programma “LA CIVILTA’ DELL’AMORE”
condotto da P. Fiorenzo Mastroianni:
-Ogni domenica, ore 9,30 su Canale 21
-Ogni domenica, ore 12,15, ore 15, ore 23,50 su Tele Padre Pio
-Ogni lunedì, ore 16 su TeleRadio San Pietro
-Ogni giovedì, ore 16,30 e 20,30 su TeleRadio Buon Consiglio (TRBC)
-Ogni venerdì, ore 16,30 su Tele 7 (Benevento)

About Author: Cieli Nuovi

Le date dei pellegrinaggi

prenota il video

Modulo prenotazione

scarica il modulo di prenotazione

Web Cam Medjugorje TV

prenota il video

Archivio News

Regala Medjugorje con Cieli Nuovi
Cieli Nuovi