Vangelo – Giovedì 28 giugno 2012

vangelo-cielinuovi

Giovedì 28 giugno 2012
S. Ireneo, vescovo e martire

Giovanni fu informato dai suoi discepoli di tutte queste cose. Chiamati quindi due di loro, Giovanni li mandò a dire al Signore Gesù: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Venuti da lui, quegli uomini dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”». In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi. Poi diede loro questa risposta:

«Andate e riferite a Giovanni
ciò che avete visto e udito»

“I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona notizia”. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

(Luca 7,22)

Giovanni vuol sapere se Gesù è il Messia.
Ai discepoli che glielo chiedono Gesù non fa grandi dichiarazioni, dice solo di riferire le sue opere.
La fede non si proclama tanto a parole, ma con ciò che si fa e come si è nella vita di tutti i giorni.
Anche nei momenti in cui ci sentiamo soli e sarebbe più facile seguire l’onda del conformismo, le nostre scelte radicali fanno bene a chi ci vede.
A volte non ce ne accorgiamo nemmeno e poi a distanza di anni, qualcuno ci fa notare come il nostro modo di essere sia stato una testimonianza della Verità.

Buona giornata!
don Carlo

About Author: Cieli Nuovi

Le date dei pellegrinaggi

prenota il video

Modulo prenotazione

scarica il modulo di prenotazione

Web Cam Medjugorje TV

prenota il video

Archivio News

Regala Medjugorje con Cieli Nuovi
Cieli Nuovi