Vangelo – Mercoledì 3 ottobre 2012

vangelo-cielinuovi

Mercoledì 3 ottobre 2012

Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio e secondo la promessa della vita che è in Cristo Gesù, a Timòteo, figlio carissimo: grazia, misericordia e pace da parte di Dio Padre e di Cristo Gesù Signore nostro. Rendo grazie a Dio che io servo, come i miei antenati, con coscienza pura, ricordandomi di te nelle mie preghiere sempre, notte e giorno. Mi tornano alla mente le tue lacrime e

«Sento la nostalgia di rivederti
per essere pieno di gioia»

Mi ricordo infatti della tua schietta fede, che ebbero anche tua nonna Lòide e tua madre Eunìce, e che ora, ne sono certo, è anche in te. Per questo motivo ti ricordo di ravvivare il dono di Dio, che è in te mediante l’imposizione delle mie mani. Dio infatti non ci ha dato uno spirito di timidezza, ma di forza, di carità e di prudenza. Non vergognarti dunque di dare testimonianza al Signore nostro, né di me, che sono in carcere per lui; ma, con la forza di Dio, soffri con me per il Vangelo. Egli infatti ci ha salvati e ci ha chiamati con una vocazione santa, non già in base alle nostre opere, ma secondo il suo progetto e la sua grazia. Questa ci è stata data in Cristo Gesù fin dall’eternità, ma è stata rivelata ora, con la manifestazione del salvatore nostro Cristo Gesù. Egli ha vinto la morte e ha fatto risplendere la vita e l’incorruttibilità per mezzo del Vangelo, per il quale io sono stato costituito messaggero, apostolo e maestro. È questa la causa dei mali che soffro, ma non me ne vergogno: so infatti in chi ho posto la mia fede e sono convinto che egli è capace di custodire fino a quel giorno ciò che mi è stato affidato.

(2Timoteo 1,4)

E’ bello vedere Paolo, ormai anziano e in carcere, esprimere con tanta schiettezza e libertà il suo affetto verso il giovane discepolo Timoteo, che aveva nominato responsabile di una comunità.
La sua maturità cristiana appare anche come una piena maturità umana: nelle parole di questa introduzione della lettera tutto è espresso con grande intensità: la riconoscenza Dio, la preghiera, il ricordo, le raccomandazioni, la fede, la fortezza nelle prove. Ne emerge il ritratto a tutto tondo di un uomo vero, realizzato, splendido frutto di una personalità interamente plasmata dall’incontro con Gesù, dal Vangelo vissuto fino in fondo.

Buona giornata!
don Carlo

About Author: Cieli Nuovi

Le date dei pellegrinaggi

prenota il video

Modulo prenotazione

scarica il modulo di prenotazione

Web Cam Medjugorje TV

prenota il video

Archivio News

Regala Medjugorje con Cieli Nuovi
Cieli Nuovi