Vangelo – Mercoledì 8 agosto 2012

vangelo-cielinuovi

Mercoledì 8 agosto 2012
S. Domenico, religioso

Il Signore Gesù diceva alle folle: «Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone. Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Ninive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona. Nessuno accende una lampada e poi la mette in un luogo nascosto o sotto il moggio, ma sul candelabro, perché chi entra veda la luce. La lampada del corpo è il tuo occhio. Quando il tuo occhio è semplice, anche tutto il tuo corpo è luminoso; ma se è cattivo, anche il tuo corpo è tenebroso. Bada dunque che la luce che è in te non sia tenebra.

«Se dunque il tuo corpo è tutto luminoso,
senza avere alcuna parte nelle tenebre,
sarà tutto nella luce»

come quando la lampada ti illumina con il suo fulgore».

(Luca 11,36)

Noi, come i pianeti, non possiamo brillare di luce propria, ma solo se veniamo illuminati da una stella.
Gesù è il nostro sole e il nostro compito è solo quello di permettere che la Sua luce si trasmetta tramite noi.
Dobbiamo perciò cercare di essere il più trasparenti possibile, perché la luce che va a toccare chi mi è vicino sia tanta.
Ogni volta che ci stanchiamo, che pensiamo di preoccuparci un po’ di noi stessi, di conformarci a quello che tutti fanno, dobbiamo ricordarci che il Signore ci chiede di essere lampade accese per diffondere la Sua luce.

Buona giornata!
don Carlo

About Author: Cieli Nuovi

Le date dei pellegrinaggi

prenota il video

Modulo prenotazione

scarica il modulo di prenotazione

Web Cam Medjugorje TV

prenota il video

Archivio News

Regala Medjugorje con Cieli Nuovi
Cieli Nuovi