Vangelo – Sabato 16 febbraio 2013

vangelo2013

Sabato 16 febbraio 2013

Il Signore Gesù entrò nella sinagoga. Vi era lì un uomo che aveva una mano paralizzata, e stavano a vedere se lo guariva in giorno di sabato, per accusarlo. Egli disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati, vieni qui in mezzo!». Poi domandò loro: «È lecito in giorno di sabato fare del bene o fare del male, salvare una vita o ucciderla?». Ma essi tacevano. E guardandoli tutt’intorno

«Con indignazione, rattristato»

per la durezza dei loro cuori, disse all’uomo: «Tendi la mano!». Egli la tese e la sua mano fu guarita. E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire.

(Marco 3,5)

Non è facile tenere insieme questi due atteggiamenti. La prima è un istinto rabbioso che vuole buttar fuori con forza o addirittura con violenza il dolore che abbiamo dentro per l’ingiustizia, la seconda invece accetta che quel male rimanga dentro e che continui a far male a me e non agli altri.
Gesù li vive tutti e due, perché ama.
L’amore è ferito profondamente dal male e proprio per questo lo tiene per sé e non vuole scaricarlo sugli altri.

Buona giornata!
don Carlo

About Author: Cieli Nuovi

Le date dei pellegrinaggi

prenota il video

Modulo prenotazione

scarica il modulo di prenotazione

Web Cam Medjugorje TV

prenota il video

Archivio News

Regala Medjugorje con Cieli Nuovi
Cieli Nuovi