Vivi la Parola!

Martedì 1 agosto 2017

S. Alfonso Maria de’ Liguori,

vescovo e dottore della Chiesa

Il Signore Gesù parlava ai settantadue discepoli e disse:

«Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida!»

Perché, se a Tiro e a Sidone fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidone saranno trattate meno duramente di voi. E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me disprezza colui che mi ha mandato».

(Luca 10,13)

 

Le città d’Israele in cui Gesù ha compiuto miracoli, non hanno creduto.

Il giudizio su di loro è più severo che sulle città pagane.

E’ comunque un giudizio dettato dalla delusione di chi ama e vede vanificato ogni proprio sforzo.

Il Signore parla ai discepoli esprimendo il proprio dolore.

E’ come un padre che parla del proprio figlio che si è allontanato, vi sono accenti quasi di rabbia ma è solo amore tradito e non per questo meno intenso.

 

Buona giornata!

don Carlo

About Author: Nietta

Le date dei pellegrinaggi

prenota il video

Modulo prenotazione

scarica il modulo di prenotazione

Web Cam Medjugorje TV

prenota il video

Archivio News

Regala Medjugorje con Cieli Nuovi
Cieli Nuovi